I NEONATI e la MUSICA – 9/+36

musica neonatale

MUSICA NEONATALE 0-36 MESI

La musica ha un effetto speciale sulle persone: essa accompagna tutti i momenti della nostra vita ed inconsciamente può farci mutare biologicamente, sociologicamente, spiritualmente, intellettualmente e psicologicamente. Essa ha difatti la capacità di rilassare, dar piacere, irritare, assordare, stimolare, eccitare, farci sentire più felici o tristi e può farci vivere infinite situazioni diverse, semplicemente attraverso il suo ascolto facendo evolvere i nostri effetti fisiologici, i quali possono far variare la pressione sanguigna, il ritmo cardiaco, la saturazione del’ossigeno, i cambiamenti nella respirazione, le risposte galvaniche della pelle, l’aumento della attività muscolare, l’incremento del livello di resistenza dolore ed avere degli effetti rilassanti che possono essere percepiti dal corpo e rilevati dal cervello donando un senso di benessere. Obiettivo e senso profondo della disciplina è quello guidare ciascun bambino nel percorso di apprendimento di linguaggi espressivi musicali, ricalcando la naturalezza e spontaneità di apprendimento della propria lingua madre, assecondando l’unicità di ogni bambino sin dalla nascita, creando ricchezza di occasioni e stimoli per insegnargli a esprimere potenzialità già presenti in lui in quella fase della vita più densa di capacità di sviluppare competenze e conoscenze. Bisogni e disagi (fame, dolore, sonno) che una volta venivano considerati necessità fisiologiche, unico sentire dei neonati e dei bambini piccoli, possono addirittura passare in secondo piano davanti a stimoli comunicativi così forti tanto da rimandare la soddisfazione di quelle priorità basilari. Metodologia appicata getta le sue radici da quella di Edwin Gordon, A Music Learning Theory for Newborn and Young Children, secondo il principio della guida informale e dell’Audiation. Ma non solo utilizza anche il principio di musica attiva, dove il bambino viene guidato ludicamente all’uso di strumenti musicali (Orff ), col quale può imparare un nuovo linguaggio per comunicare le proprie emozioni. Fonda le sue radici sull’ Effetto Mozart per lo sviluppo neurologico del neonato.

 

MUSICOTERAPIA IN GRAVIDANZA – 9 Mesi

La musicoterapia prenatale prevede una serie di attività per stimolare il feto e favorirne la comunicazione con la madre, la musica è il canale privilegiato di questa comunicazione e le varie attività ritmico-sonore permettono di preparare una relazione affettiva equilibrata e serena, sviluppando adeguatamente la struttura funzionale del sistema nervoso del feto stesso, tali stimoli contribuiscono allo sviluppo delle e vie sensoriali acustiche, favorendo anche il processo di maturazione strutturale e funzionale del Sistema Nervoso. Ma la musica per eccellenza che piace al piccolo è senza dubbio quella prodotta dalla mamma, ossia la sua voce: la colorazione timbrica e melodica della voce materna è veicolo di emozioni ed affetti, è una carezza ed una “coccola sonora”.

Il corso prevede incontri da 30 minuti a cadenza bisettimanale/trisettimanale il Sabato mattina (a seconda del calendario), esso è suddiviso per fasce di età – 9, 0-1, 1-2, 2-3 a partire dalle ore 09.00 a.m., è guidato dalla Professoressa e Musicoterapista Barbara Sgobbi, la quale si occupa, da più di 10 anni, prettamente della fascia neonatale 0-3 e delle mamme in gravidanza.

Il CALENDARIO INCONTRI 2017-2018 è il seguente:

OTTOBRE         21-28

NOVEMBRE    11-18-25

DICEMBRE      2-9

GENNAIO        13-20-27

FEBBRAIO      10-24

MARZO            10-17-24

APRILE            7-21

MAGGIO         12-19-26

Iscrizioni apriranno 11 settembre 2017 e termineranno il 30 novembre 2017

ORARI INCONTRI 2017-2018:

ore 9.00 GESTANTI

ore 9.30 Neonati lattanti 0-1 anni

ore 10.00 Neonati 1-2 anni

ore 10.30 Neonati 2-3 anni (da gennaio 2017 senza genitori)

ore 11.00 Piccoli 3-4 anni, sezione primavera

ore 11.30 Infanzia 4-5 anni, materna piccoli e mezzani (che non hanno mai fatto un percorso musicale)