ARTI PER LE TERAPIE

ARTI PER LE TERAPIE
L’Associazione “Accademia Musicale Camille Saint-Saens” riunisce al suo interno una equipe di professionisti specializzati, che operano in vari ambiti di intervento:

Educativo – Preventivo: Le arti terapie offrono percorsi di conoscenza di sé e dell’altro, attraverso la relazione e la socializzazione, promuovendo lo sviluppo armonioso della persona.

Terapeutico – Riabilitativo: Si propone inoltre una serie di attività che possano affiancare il Vostro ruolo di gestione o cura degli utenti. La qualità della vita della persona è sempre al centro dell’operatività comune. Obiettivo comune, è stimolare le funzioni cognitive, l’espressione dei vissuti emotivi conseguendo la percezione psico-corporea, la socializzazione, per seguire meglio la persona nella sua specificità di individuo.

Formativo – Seminari: Vengono proposti percorsi formativi e seminari di musicoterapia e arteterapia, rivolti ad operatori, volontari e interessati.

L’Associazione propone una serie di attività che possano affiancare il Vostro ruolo di gestione e cura degli utenti. La qualità della vita del paziente è sempre al centro dell’operatività comune. Il progetto, coordinato in attività di musicoterapia e arteterapia, il tutto supervisionato da psicologi, è fondamento per sperimentare un’espressione autentica di sé e per ricontattare la propria creatività. Obiettivo comune, è stimolare le funzioni cognitive, l’espressione dei vissuti emotivi conseguendo la percezione psico-corporea, la socializzazione, per seguire meglio la persona nella sua specificità di individuo. Vengono offerti, inoltre, percorsi formativi di musicoterapia e arteterapia, rivolti ad operatori, volontari e familiari interessati. Scopo fondamentale è quello di diffondere le artiterapie in senso generale, nelle strutture pubbliche e private, nonché presso la loro stessa sede. I professionisti che hanno dato vita all’equipe, vantano esperienze personali in vari ambiti applicativi: ciò garantisce allo staff di poter operare con utenze diverse. Al suo interno vi sono anche degli psicologi, che mettono a disposizione la loro professionalità alle strutture nelle quali lavorano, nonché svolgono una fondamentale azione di supervisione e counselling agli altri membri dell’equipe. L’equipe multidisciplinare comprende: Musicoterapeuti, Musicoterapeuta Neonatale (0-3 anni), Teatro-Arteterapeuta , Psicoterapeuta, Neuro-psicomotriscista dell’età evolutiva e psicomotricista relazionale, Neuropsichiatra Infantile.

Discipline Terapeutiche

MUSICOTERAPIA

La Musicoterapia è una disciplina che utilizza la musica come forma alternativa di comunicazione nella sfera del non-verbale, dove la musica deve intendersi anche nelle sue forme più semplici di “linguaggio” sonoro: istintivo, immediato ed accessibile a tutti. La musicoterapia riscopre infatti la musica e il suono in tutte le loro forme, utilizzando tanto i suoni naturali o il ritmo e i timbri nelle loro espressioni più arcaiche, quanto le espressioni più strutturate e culturali a livello melodico e armonico: tutto ciò attraverso varie tecniche che possono prevedere l’uso di strumenti musicali di facile approccio, l’uso della voce e del canto, l’ascolto di musica registrata.

NEURO PSICOMOTRICITA’

La Neuro-psicomotricità Psicomotricità studiano l’attività motoria dal punto di vista psicologico, ponendosi come obiettivo quello di approfondire, esaminare e teorizzare l’interazione tra il corpo, inteso dal punto di vista di movimento biologico e l’atto psichico che da individuale diventa sociale. La terapia della neuro e psicomotricità dell’età evolutiva consiste in un intervento specifico e individualizzato, rivolto al bambino con difficoltà di sviluppo (motorio, comunicativo, affettivo e relazionale, cognitivo) con l’obiettivo di sostenerlo nella sua globalità ed è strettamente connesso alla sua famiglia. I percorsi di presa in carico si differenziano in educativo-preventivo e terapeutico. Il mediatore privilegiato nella relazione tra terapista e bambino è il gioco, in tutte le sue forme, quale mezzo che ciascun bambino riconosce come più immediato per esprimere sé stesso e relazionarsi con l’altro e l’ambiente.

TEATRO e ARTE TERAPIE

Teatro-Arteterapia, in particolare l’arteterapia è una disciplina che, utilizzando le tecniche e la decodifica dell’arte grafico-plastica, ha l’obiettivo di ottenere manufatti che racchiudono pensieri ed emozioni e che, messi a fuoco nel percorso di Atelier, diventano simboli comunicabili. In questa prospettiva significa collaborare con il paziente per realizzare un percorso creativo, esaminando soluzioni a problemi e tematiche. Affiancare immagini (rappresentazioni) a metodi artistici è strumento per capire, assecondare e trasformare il singolo utente, rispettando le sue caratteristiche e le sue potenzialità. Quindi lo scopo non è interessarsi al prodotto artistico in sé, ma avvicinarsi all’esperienza interiore che questo prodotto veicola. La Teatroterapia è sempre una forma di arteterapia di gruppo ed è la messa in scena dei propri vissuti, con il supporto di alcuni principi di presenza scenica derivati dall’arte dell’attore. Essa implica l’educazione alla sensorialità e alla percezione del proprio movimento corporeo e vocale; agisce attraverso la rappresentazione di personaggi extraquotidiani (principalmente improvvisati), ma implica un minuzioso lavoro pre-espressivo. L’obiettivo è quello di rendere armonico il rapporto tra corpo, voce, mente nella relazione con l’altro, gli altri, sé stesso e la propria creatività interpretativa.

SUPPORTO PSICOLOGICO

La psicoterapia si colloca in diversi ambiti come gestione dell’équipe terapeutica in cui la presenza dello psicologo può facilitare la costruzione del gruppo di lavoro e del clima necessario per garantisce la collaborazione e la maggiore efficacia dei progetti affrontati e come supervisione in cui tale spazio rappresenta un momento fondamentale per i professionisti che operano a contatto con la sofferenza e all’interno di contesti complessi e sfaccettati, per elaborare e ripensare le proprie emozioni e vissuti può garantire una migliore comprensione e progettazione dell’intervento terapeutico. Come counselling e sostegno psicologico all’interno delle strutture e dei progetti attivati, in cui è possibile prevedere un’attività di “sportello” destinato ad operatori, genitori, famigliari, utenti che, a diverso titolo, desiderano sperimentare un percorso breve e centrato sull’analisi e la risoluzione di problemi individuali o di gruppo e anche come gestione di gruppi tematici in cui è possibile attivare percorsi di esplorazione ed elaborazione di vissuti destinati ad operatori, utenti, famigliari.